Chi siamo

Soci Onorari
Convenzioni
Gadget
Iscrizione al club
Contatti
Raduni
MiniRaduni
Gallery
Links


Utenti on-line

13764

Utenti iscritti al web

6264

Accessi di oggi

13764

Username:

Password:

Registrati

Mercato italiano
Si chiude l'anno con una crescita a doppia cifra




Il mercato italiano dell'auto ha chiuso il 2016 in netto rialzo rispetto al 2015, con 1.824.968 unit immatricolate, pari a una crescita del 15,8%. Secondo i dati diffusi dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il mese di dicembre ha toccato quota 124.438 unit, con un buon +13,1% sullo stesso mese dell'anno precedente. Un ottimo risultato a mezzo secolo esatto (era il 31 dicembre 1966) da quando nel nostro Paese veniva per la prima volta superato il milione di immatricolazioni.

Gruppi. Dicembre stato un ottimo mese per tutti i principali costruttori, con pochissime eccezioni. Il Gruppo FCA ha registrato 37.143 immatricolazioni (+14,63% a dicembre, +18,51% nel 2016), con ottimi risultati per l'Alfa Romeo (2.991 unit, +40,95% a dicembre e un consuntivo 2016 in crescita del 19,21%) e per la Jeep (3.010, +21,91%, +35% da inizio anno). Bene anche la Fiat con 26.567 unit, il 12,88% in pi sullo stesso mese del 2015 (+ 21,13% nel 2016). Anche il Gruppo Volkswagen ha messo a segno un ottimo mese grazie a 16.694 immatricolazioni (+30,74%, + 13,05% sui 12 mesi). Sono andate bene l'Audi (3.608 unit, +44,67% a dicembre, + 16,65% nel 2016) e la Skoda (1.647, +65,20% e +28,07% nel 2016), seguite dalla Seat (1.312, +29,39% e + 3,38% nei 12 mesi) e dalla Volkswagen (10.124, +22,57% a dicembre e +16,78% nel 2016). Il Gruppo Renault ha registrato 11.322 consegne (+1,76% a dicembre, + 19,76% da inizio anno), precedendo di poco il Gruppo PSA (10.912, +4,95% a dicembre e + 10,67% nel 2016) e Ford (7.384 unit, +10,29% a dicembre e + 13,68% nei 12 mesi). A seguire, il Gruppo Hyundai (6.695, +13,38% a dicembre e + 18,95% nei 12 mesi), che ha preceduto la GM (con 6.122 unit, +18,67% e +6,42% nel 2016), il Gruppo Daimler (6.629, +39,50% e + 19,09% nell'anno) e il Gruppo BMW, in calo dell'9,89% a 5.211 unit, a causa del -32,68% fatto registrare dalla Mini nell'ultimo mese. Per il Gruppo, comunque, l'anno si conclude con un buon + 17,41% (+20,25% per la BMW e +10,99% per la Mini). Chiudono la classifica il Gruppo Toyota (5.632 immatricolazioni, +6,12% a dicembre e + 9,40% da inizio anno), il Gruppo Nissan (3.409, -6,17% e -1,55% nei 12 mesi) e il Gruppo Jaguar Land Rover (1.224, +5,43% con un ottimo + 35,38% sui 12 mesi).

Privati e societ. Per quanto riguarda i canali di vendita, la quota dei privati, scesa al 61,8% del totale, la pi bassa di sempre. Bene, invece, le immatricolazioni a societ, che hanno dato un forte impulso al mercato di dicembre: +40,2% (+27,7% da inizio 2016), grazie al contributo del superammortamento. Buoni risultati anche per il canale noleggio, che ha chiuso l'anno con un +16,6% e una quota che si conferma al 19,8% del totale, soprattutto per merito di quello a lungo termine.

Top ten. Anche a dicembre la Fiat Panda stato il modello pi venduto, con 9.929 immatricolazioni. Seguono, ben pi staccate, la Lancia Ypsilon (4.325 unit) e la Renault Clio (3.411). La top ten prosegue con le Fiat 500 (3.364 vetture), 500X (3.327) e 500L (3.028), davanti a Volkswagen Polo (2.836), Fiat Tipo (2.781) e Volkswagen Golf (2.695). Chiude il gruppo la Jeep Renegade (2.545). Per quanto riguarda le immatricolazioni per alimentazione, lanno conferma un incremento delle vendite dei carburanti tradizionali intorno al 20%: +19,7% per il diesel e +21,8% per la benzina. Calano, invece, Gpl e metano, rispettivamente, del 15,4 e di oltre il 30%, mentre continua lascesa delle ibride: +48,1%. Per concludere, i trasferimenti di propriet di auto in dicembre sono scesi del 5,1% a 397.212 unit, al lordo delle minivolture. Il consuntivo da inizio anno, con 4.721.576 trasferimenti, indica un incremento del 2,9% sul 2015.

Le previsioni per il 2017. "Anche questanno - ha dichiarato Massimo Nordio, presidente dellUnrae - il settore automotive ha portato un contributo determinante ai consumi interni e al recupero, seppur ancora lento, delleconomia nazionale. Guardando al 2017 esiste ancora lopportunit di tenere stimolata una crescita che, al momento, appare contenuta. Il confronto con un 2016 di performance robuste e un certo anticipo nella domanda del settore societ si rifletter negativamente sui primi mesi del 2017, influenzando la domanda totale".


Fonte: quattroruote.it

Sezione Storica

Modelli Alfa

 Autobus/Filobus

Interviste
Sport
Modellismo
MiniGuide
Tuning
Mercatino
Stampa/Libri
Forum