Chi siamo

Soci Onorari
Convenzioni
Gadget
Iscrizione al club
Contatti
Raduni
MiniRaduni
Gallery
Links


Utenti on-line

12360

Utenti iscritti al web

6433

Accessi di oggi

11980

Username:

Password:

Registrati


Giuseppe Luraghi

Giuseppe Luraghi nacque a Milano il 12 giugno del 1905. Si laureò alla Bocconi in Economia e Commercio e fece una brillante e rapida carriera in Pirelli, Sip, e Lanerossi, prima di approdare come direttore generale alla Finmeccanica. Dal 1960 al 1974 ricoprì la carica di presidente dell'Alfa Romeo e dell'Alfasud.
A Giuseppe Luraghi, grande manager e uomo di cultura, si deve la nascita della Giulietta, la vettura che ebbe un grande successo di critica e di pubblico e che diede all'Alfa Romeo la connotazione di grande industria automobilistica europea.
Fu per volontà di Luraghi che l'Alfa tornò ufficialmente alle competizioni a metà degli anni '60, dopo il ritiro che avvenne subito dopo la conquista del secondo campionato del Mondo nel 1951.
Nel 1960, iniziò la costruzione dello stabilimento di Arese e fu sempre Luraghi a volere il Museo e un Centro di Documentazione Storica.
Nel 1966, Luraghi propose ufficialmente la costruzione di un nuovo stabilimento a Pomigliano d'Arco per la produzione di una nuova autovettura nell'ambito delle scelte strategiche dell'Alfa.
Quando nel 1973, il presidente dell'Iri, Petrilli, impose a Luraghi un programma che egli non condivideva, ossia il trasferimento del montaggio di 70mila vetture dal Nord al Mezzogiorno, Luraghi rassegnò le dimissioni non solo dall'Alfa Romeo ma da tutto il mondo delle partecipazioni statali. Aveva 69 anni. Fu una decisione molto dolorosa, il suo pensiero era rivolto spesso all'Azienda che continuò a seguire con affetto: «Io ho sempre l'Alfa nel mio cuore. E porto con me l'orgoglio di avere salvato un'azienda che stava morendo».

Elvira Ruocco

Sezione Storica

Modelli Alfa

 Autobus/Filobus

Interviste
Sport
Modellismo
MiniGuide
Tuning
Mercatino
Stampa/Libri
Forum