60 anni d’Italia raccontati dalle 60 Alfa Romeo del Museo Fratelli Cozzi con Famiglia Legnanese e i Lions e Rotary del territorio

Una serata piacevole per un tuffo nel passato. In Famiglia Legnanese le mitiche Alfa Romeo del Museo Fratelli Cozzi di Legnano svelate ai soci dei Lions e Rotary Club di Legnano e zona, grazie al racconto appassionato di Pietro ed Elisabetta Cozzi.




Legnano – Gli anni ’60, 60 anni dopo.

Dopo le serate speciali dedicate a Luna Rossa, tra gli eventi che la Famiglia Legnanese ha organizzato nell’occasione del 7oesimo anniversario di fondazione.

Un evento in collaborazione con LC Legnano Host; LC Legnano Carroccio; LC Legnano Castello Le Robinie; LC Parabiago Host e Rotary Club Busto, Gallarate, Legnano “Ticino”; RC Parchi Altomilanese e Apil Legnano, Associazione Periti Industriali e Laureati lunedì 12 aprile, una piacevole serata “virtuale” ha accompagnato in un viaggio a ritroso nel tempo.

Una serata che ha portato alla scoperta del museo, grazie alle sessanta Alfa Romeo storiche conservate dal suo fondatore Pietro Cozzi e quindi anche alla vita e alle tradizioni legate alla città di Legnano. Accanto a Pietro la figlia Elisabetta, direttrice del Museo.

Il semaforo verde scatta con il 1955, agli inizi del boom economico quando la F.lli Cozzi apre a Legnano il Garage Castello, tra via Castello e viale Gorizia e in quella sua prima sede vende e ripara Alfa Romeo, simbolo e bellezza di un’Italia che sta ripartendo, invidiato in tutto il mondo e così Pietro inizia a tenere da parte un’auto per ogni modello, dagli anni ’50 ai giorni nostri.

Inoltrandoci in questo scrigno della storia del nostro Paese. “Io mi sento nel mio ambiente – racconta Pietro, emozionato nell’iniziare il racconto – perché qui trovo storia, emozioni ma soprattutto tantissimi ricordi.”

E la collezione di papà Pietro comincia da una GiuliettaGT Giallo Cina e poi i loghi, vere insegne storiche dell’Alfa Romeo ed ancora manifesti, poster, pagine di giornali, regalandoci un’evoluzione politica e sociale dell’Italia. E poi andando avanti il resto è storia, la storia di ognuno di noi.






https://www.sempionenews.it/

info@alfasport.net | Privacy | copyright club alfa sport 2019 |