Al via lo sviluppo delle nuove Alfa Romeo, Lancia e DS




È passato meno di un mese dalla nascita effettiva del gruppo Stellantis, ma dopo la riorganizzazione aziendale i vari marchi hanno già iniziato a collaborare tra di loro. È il caso dei brand dell'offensiva premium del costruttore - Alfa Romeo, Lancia e DS - che hanno iniziato a preparare le sinergie che porteranno al lancio di nuovi modelli. La fusione dei gruppi FCA e PSA porterà infatti alla nascita di nuove vetture con meccanica condivisa e alla realizzazione di progetti congiunti per lo sviluppo di tecnologie e componenti meccanici: sul numero di febbraio di Quattroruote trovate un approfondimento sul destino dei marchi italiani e sulle nuove B Suv dei marchi Jeep, Fiat, Lancia e Alfa Romeo in arrivo nei prossimi anni.

Nuovi orizzonti. Proprio il marchio di Arese sarà uno dei cardini della nuova strategia premium del gruppo Stellantis, che porterà anche al rafforzamento della Lancia e alla crescita di DS. I tre brand realizzeranno prodotti molto diversi tra di loro, ma collaboreranno per creare delle basi comuni che consentiranno di contenere i costi di sviluppo e di produzione delle nuove vetture, garantendo al contempo un'elevata qualità costruttiva. I propulsori, per esempio, saranno diversi rispetto a quelli delle altre vetture del gruppo Stellantis, come ha confermato la direttrice prodotto della DS, Marion David, a margine della presentazione della nuova DS 4: "Stiamo lavorando con i nostri colleghi italiani su specifici telai, propulsori e funzionalità per differenziare i marchi premium dai brand tradizionali". La manager transalpina ha inoltre fornito maggiori dettagli sugli orizzonti temporali della nuova collaborazione, confermando che il piano industriale 2017-2023 del marchio francese non subirà modifiche: per vedere i primi modelli DS frutto dell'alleanza servirà quindi attendere almeno fino al 2024. "Le vetture che sono già in fase di sviluppo - ha affermato Marion David - continueranno per la loro strada e verranno lanciate come previsto. Poi, per la prossima generazione di modelli ci concentreremo sulla creazione delle sinergie che sono la ragione della fusione".


Fonte: https://www.quattroruote.it/


info@alfasport.net | Privacy | copyright club alfa sport 2019 |