Coronavirus
FCA estende le misure italiane a tutte le filiali




Il gruppo FCA estende a tutte le attività globali le misure finora attuate in Italia o in Cina per contrastare la diffusione dell'epidemia del coronavirus all'interno delle fabbriche, degli uffici e tra i lavoratori. Una delle iniziative già implementate su larga scala nel nostro Paese, lo smart-working, sarà ora applicato ovunque e in particolare negli Stati Uniti, dove il numero dei contagiati sta aumentando rapidamente e le autorità hanno iniziato a prendere provvedimenti sempre più stringenti. Nel Michigan, la patria del settore automobilistico americano, il governatore Gretchen Whitmer ha imposto la chiusura di tutte le scuole primarie.

Il messaggio di Manley. "L'epidemia sta chiaramente assumendo proporzioni che vanno al di là dei focolai regionali e noi stiamo pianificando misure e interventi per contrastarne l’impatto su ogni aspetto della nostra attività in tutto il mondo", afferma l'amministratore delegato Mike Manley in una lettera ai dipendenti, nella quale annuncia la sua intenzione di comunicare aggiornamenti sull'emergenza sanitaria con cadenza settimanale. "Le mie priorità in questo momento sono la salute e la sicurezza della famiglia FCA e stiamo intraprendendo azioni specifiche per proteggere tutti i nostri dipendenti, sia negli stabilimenti che negli uffici", prosegue. "In secondo luogo, stiamo gestendo l’azienda per garantire la continuità operativa, concentrandoci in particolare sulle linee di produzione e sulla pianificazione dei prodotti".

Le misure. Manley passa quindi a elencare le diverse misure messe in atto, non prima di aver sottolineato come la loro applicazione sia ormai comune a tutte le regioni operative nonostante l'epidemia si trovi in fasi diverse in Cina, Nord America e Europa. Negli stabilimenti si stanno modificando i processi produttivi per consentire una maggiore distanza tra i dipendenti sulle postazioni di lavoro e si stanno intensificando l’igienizzazione e la disponibilità di mascherine. "Negli uffici, stiamo accelerando la diffusione del lavoro a distanza o "smart working". In Cina, Corea, Giappone e Italia questa pratica è diventata la "nuova normalità". Per le altre sedi, lo smart working è ora disponibile per tutti i dipendenti e vi invito a coordinarvi con il vostro referente delle risorse umane per quanto riguarda le modalità di implementazione nei vari enti e nelle varie funzioni".

Stop a visite e viaggi. L'elenco delle misure comprende una "significativa limitazione delle trasferte" e una "politica molto rigorosa per i visitatori esterni ai siti" del gruppo. "Salvo situazioni di importanza critica, chiediamo a tutti i dipendenti di sospendere le trasferte e di evitare di ospitare visitatori esterni". La Fiat Chrysler ha anche deciso di posticipare o annullare la maggior parte degli eventi aziendali e la misura vale anche per la partecipazione a saloni dell’auto e sponsorizzazioni di eventi commerciali". Gli interventi di igienizzazione riguardano anche tutte le aree comuni delle sedi amministrative. Manley chiede quindi ai lavoratori collaborazione per mantenere pulite le aree di lavoro, di seguire le disposizioni delle autorità locali e, nel caso, di presentare suggerimenti o osservazioni su come migliorare la gestione della crisi. "Vorrei ringraziare tutti i team coinvolti in quello che è senza dubbio uno sforzo - e una responsabilità - di squadra a livello aziendale per salvaguardare la nostra salute collettiva e garantire la continuità operativa dell’azienda", conclude il manager.

info@alfasport.net | Privacy | copyright club alfa sport 2019 |