Mille Miglia 2019
Vincono Moceri e Bonetti sull’Alfa Romeo 6C 1500




Il pediatra Giovanni Moceri e il giornalista Daniele Bonetti del team Alfa Romeo si sono aggiudicati la Mille Miglia 2019 a bordo di un’Alfa Romeo 6C 1500 SS del 1928 (proveniente dal Museo del Biscione di Arese) dopo aver raggiunto Brescia. Al secondo posto si sono classificati Andrea Vesco e Andrea Guerini del team Villa Trasqua a bordo di un’Alfa Romeo 6C 1750 SS Zagato del 1929, mentre il gradino più basso del podio è stato conquistato da Juan Tonconogy e da Barbara Ruffini (già vincitori della scorsa edizione) su una Bugatti Type 40 del 1927. La giornata si è conclusa con la "1000 Miglia - The Night", una serie di appuntamenti di intrattenimento, musica e cultura.

Gli altri piazzamenti. La classifica generale, cristallizzatasi dopo la prova di precisione 112, vede al quarto posto Alberto Riboldi e Paolo Sabbadini su una O.M. 665 S Superba 2000 del 1926, seguiti da Arturo Cavalli e da Alessandro Gamberini del team Alfa Romeo su una 1750 SS Young del 1929. Completano la top 10 Andrea Luigi Belometti e Doriano Vavassori su una Lancia Lambda VIII Serie Casaro del 1929, Daniel Erejomovich e Gustavo Llanos a bordo di una O.M. 665 S Superba 2000 del 1925, Gianmario Fontanella e Anna Maria Covelli in gara con una Lancia Lambda VII Serie Casaro del 1927 e Michele Cibaldi e Andrea Costa su una Gilco Marian Fiat 1100 Siluro del 1927, nonché Domenico Battagliola e Emanuel Piona con una Bugatti Type 37 del 1926.

Le donne. La Coppa delle Dame - ovvero il trofeo assegnato al miglior equipaggio femminile, che in passato ha visto trionfare anche la giornalista Rai Francesca Grimaldi in coppia con la nostra Laura Confalonieri - va a Silvia Marini e Francesca Ruggeri su Aston Martin 2 Litre Speed Model del 1937.

L’ultima tappa. L’arrivo a Brescia ha concluso l’ultima delle quattro giornate della trentasettesima rievocazione della Mille Miglia. Partita da Bologna, la Freccia Rossa ha percorso l’Emilia Romagna fino a Parma, dove le vetture, dopo il ristoro, si sono rimesse in marcia per Busseto, Cremona e, a seguire, Carpenedolo, Montichiari e Travagliato, per poi tornare nella città della Leonessa, dove la manifestazione aveva preso il via mercoledì 15 maggio.


Fonte; quattroruote.it

info@alfasport.net | Privacy | copyright club alfa sport 2019 |