Chi siamo

Soci Onorari
Convenzioni
Gadget
Iscrizione al club
Contatti
Raduni
MiniRaduni
Gallery
Links


Utenti on-line

4348

Utenti iscritti al web

6400

Accessi di oggi

4348

Username:

Password:

Registrati

Mercato italia
Accelerano le vendite di auto in agosto: +9,5%




Il mercato italiano dell'auto cresce anche ad agosto e mette a segno un'accelerazione rispetto a luglio grazie allaumento dellofferta di veicoli non adeguati al ciclo WLTP, il nuovo standard di omologazione entrato in vigore il 1 settembre. Secondo i dati del ministero dei Trasporti, le immatricolazioni sono state pari a 91.551 unit, con un aumento, rispetto allo stesso periodo del 2017, del 9,46%, quasi il doppio se confrontato con il 4,42% di luglio. Lo sprint consente di portare quasi in pareggio il dato dei primi otto mesi dell'anno. Il periodo gennaio-agosto si chiude, infatti, con una flessione dello 0,07%, pari a 1.366.881 veicoli registrati.

FCA cresce grazie sempre alla Jeep e all'Alfa. Il gruppo FCA registra il secondo mese di fila con dati in crescita. Le immatricolazioni ad agosto sono pari a 24.835 unit, il 2,66% in pi rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. sempre la Jeep a mostrare le migliori performance tra i vari brand del gruppo italo-statunitense: le unit immatricolate sono 5.665 e la crescita del 137,83%. Andamento positivo anche per l'Alfa Romeo, che dopo il +44,54% di luglio mette a segno un +66,57%, con 3.608 veicoli immatricolati. Sul risultato complessivo pesano sempre i dati negativi della Fiat (-15,24%, con 14.151 immatricolazioni) e della Lancia (-54,9%, con 1.278 unit), mentre la Maserati inverte il recente trend negativo con una crescita del 14,29% e 112 veicoli registrati.

In lieve calo il gruppo Volkswagen. Il gruppo Volkswagen si conferma la terza forza del mercato italiano, ma dopo diversi mesi subisce un piccolo rallentamento. Le immatricolazioni, pari a 11.036 esemplari, calano dello 0,16% con risultati positivi per i vari marchi con l'unica eccezione dell'Audi. Il brand VW registra +10,35% con 6.548 vetture immatricolate, la Skoda +22,66% (1.245) e la Seat +36,64% (1.156). Il marchio dei Quattro anelli, con 2.081 vetture, riscontra, invece, un calo del 36,13%. La Lamborghini, anche se con volumi decisamente contenuti (sei unit consegnate), cresce del 500% per effetto dell'avvio, a partire da luglio, delle consegne della Suv Urus.

Sempre negativo l'andamento per Daimler e BMW. Tra gli altri grandi produttori tedeschi non si arresta il calo di Daimler e BMW. Il gruppo di Stoccarda, con 2.575 auto immatricolate, registra una diminuzione del 20,23%, in particolare per il -23,74% della Mercedes (1.898 registrazioni), mentre la Smart risulta in contrazione dell'8,39% (677 unit). Il concorrente bavarese vede 3.221 veicoli registrati, il 6,96% in meno rispetto allo stesso mese del 2017, con la crescita del marchio omonimo (+0,55% e 2.557 immatricolazioni) annullata dalla forte contrazione della Mini (-27,75% e 664 unit).

In salita PSA, Renault e Ford. Il gruppo PSA, anche se con tassi decisamente inferiori ai mesi scorsi, consolida la propria posizione di seconda forza del mercato, grazie sempre al contributo della Opel. I transalpini mettono a segno una crescita del 5,96% con 13.415 unit registrate e con il marchio tedesco (al primo mese di confronto essendo stato consolidato dal 1 agosto del 2017) in crescita del 2,93% a 4.455 immatricolazioni. In aumento risulta anche la Citron con +8,89% e 3.957 registrazioni, mentre la Peugeot sale del 7,76% (4.846 unit) e la DS perde il 21,89% con soli 156 veicoli. In grande spolvero il gruppo Renault: ad agosto immatricola 14.057 veicoli e cresce del 76,17% con la Dacia in espansione dell'80,85% e (4.476 auto) e il marchio omonimo in miglioramento del 74,07% (9.581 immatricolazioni). Anche la Ford mette a segno un risultato positivo, con 6.025 registrazioni e un segno pi del 13,89%.

Andamento altalenante per gli asiatici. Tra i grandi produttori dell'Asia, il gruppo Toyota, con 4.084 immatricolazioni, guadagna l'11,28% con il marchio omonimo in crescita del 10,5% e la Lexus in ascesa del 33,33%. La Nissan, invece, lascia sul terreno il 17,56% (2.437 immatricolazioni), la Suzuki il 12,38% e la Mazda il 12,4%. In calo risulta anche la Honda (-11,42%), mentre mostrano un andamento decisamente positivo la Mitsubishi (+101,4%) e la Subaru (+43,24%). Rimanendo in Asia, chiudono bene la coreana Hyundai (+12,36%) e la consociata Kia (+15,7%); salgono anche la SsangYong (+56,79%) e la proprietaria Mahindra (+200%).

Bene Volvo e Porsche. Nel segmento premium, Volvo e Jaguar Land Rover registrano risultati contrastati. Il marchio svedese vede le immatricolazioni crescere del 10,38% a 893 unit, mentre il gruppo britannico assiste a un calo del 39,04% con 548 unit, di cui 193 del marchio Jaguar (-16,09%) e 355 Land Rover (-46,94%). La Porsche mette a segno un +143,58% con 436 immatricolazioni e la Tesla sale del 4,17%, sebbene con 25 modelli immatricolati.

La Panda perde la leadership. I dati di agosto mostrano uno storico cambio al vertice della classifica dei modelli pi popolari. Dopo anni di leadership incontrastata della Fiat Panda, la Renault Clio conquista la vetta con 4.402 immatricolazioni, superando la citycar torinese, ferma a 3.739. Al terzo posto sale la Jeep Compass con 3.002, seguita a poca distanza dalla Fiat 500X con 2.994. Il quinto posto appannaggio della Fiat Tipo (2.401 unit), seguita, nell'ordine, da Dacia Sandero (2.223), Citron C3 (2.127), Jeep Renegade (2.110) e Fiat 500L (2.082). Chiude la top ten, con 2.066 esemplari immatricolati, la Renault Captur.

Il diesel torna a crescere. Sul fronte delle alimentazioni, il diesel arresta il lungo declino dei mesi scorsi con una crescita alimentata, per, solamente dal noleggio e dalle societ. Le motorizzazioni a gasolio aumentano infatti del 6,2, nonostante una flessione dell'8,5% subita dal canale dei privati. In aumento risultano anche le auto a benzina con un +7,7%, quelle a Gpl (+25,6%) e a metano (+4,1%). Continuano a crescere a doppia o tripla cifra le elettrificate: le ibride salgono del 38,9% e le elettriche del 93,9%.

Trend positivo per il noleggio. Anche ad agosto mostra segnali positivi il canale dei privati, cresciuto del 5,8% anche se il peso sul mercato totale scende di due punti percentuali al 56,7% per effetto di altri canali distributivi. Il noleggio risulta infatti in miglioramento del 31,3% con il +35% del lungo termine a compensare la flessione del 17,5% del breve termine. In lieve crescita le vendite alle societ (+3,2%).

Cala l'usato. Il mercato dell'usato torna a contrarsi. I trasferimenti di propriet, al lordo delle minivolture (i passaggi temporanei a nome dei commercianti, in attesa della rivendita ai clienti), scendono del 4,6%, attestandosi a 260.485 unit. Anche i primi otto mesi dell'anno si chiudono in contrazione: sono stati 2.952.574 i passaggi di propriet, il 2,9% in meno rispetto allo stesso periodo del 2017.

Il commento del Csp e l'allarme dell'Unrae. Il Centro Studi Promotor commenta la crescita di agosto sottolineando come si tratti di "un risultato indubbiamente positivo" malgrado un giorno lavorativo in meno rispetto a un anno fa. Tuttavia, per il centro bolognese bisogna "considerare che in parte stato influenzato da una certa pressione sul mercato di alcune Case per smaltire auto non in regola con il nuovo sistema europeo di omologazione WLTP, sistema che entrato in vigore il 1 settembre". L'Unrae, invece, esprime preoccupazione per il rischio di aumento dellIva nei prossimi mesi nel caso il governo non riesca a bloccare lo scatto delle clausole di salvaguardia con gli imminenti provvedimenti economico-finanziari. Lincremento dellIva", afferma il presidente dell'associazione delle case automobilistiche estere, Michele Crisci, "potrebbe indurre una stagnazione dei consumi nel nostro Paese, con effetti sulla situazione macroeconomica generale. Nel solo settore auto, un aumento dellaliquota Iva costringerebbe i consumatori a spendere circa 400 euro in pi nel 2019 per lacquisto della propria vettura; spesa che raggiungerebbe i 530 euro nel 2021, decelerando ulteriormente il necessario processo di rinnovo di un parco circolante molto anziano.


Fonte: quattrruote.it



Sezione Storica

Modelli Alfa

 Autobus/Filobus

Interviste
Sport
Modellismo
MiniGuide
Tuning
Mercatino
Stampa/Libri
Forum