Chi siamo

Soci Onorari
Convenzioni
Gadget
Iscrizione al club
Contatti
Raduni
MiniRaduni
Gallery
Links


Utenti on-line

11790

Utenti iscritti al web

6366

Accessi di oggi

1953

Username:

Password:

Registrati

Vai dietro le quinte della nostra Alfa Romeo Tipo 33 Film Shoot




Raccogli una manciata di auto da corsa e un trio di top driver che li hanno portati ai podi nel periodo e sei destinato ad avere una buona giornata in pista. Se quelle vetture sembrano essere un trio di Alfa Romeo Tipo 33, i piloti hanno i cognomi di Bell, Merzario e Galli, e tutto sta andando gi a velocit sulla stessa pista che queste auto sono state sviluppate decenni fa? Non c' davvero alcun margine di miglioramento se sei un devoto crociato e serpente.

Abbiamo gi seguito la progressione della linea di auto da corsa Tipo 33 di Alfa Romeo , accompagnata da uno sguardo alle concept car d'avanguardia prodotte dal telaio Stradale , ma questo giorno riguardava i piloti come le loro macchine. Sentirli parlare delle macchine e degli angoli con il tipo di zelo e di gioia che appartengono a grandi piloti senza nulla da dimostrare un cambio di ritmo rinfrescante per avere un collezionista pappagallare la storia di cui non hanno mai fatto davvero parte . Non che ci sia qualcosa di sbagliato in questo, per essere sicuro.







Derek Bell arriva perfino a paragonare la svolta meravigliosamente distesa e curvata al Balocco Proving Grounds prima sulle rive di Indianapolis, prima di meditare sull'infame Eau Rouge a Spa-Francorchamps, e questo viene da qualcuno con un'esperienza definitiva nell'arte di andando maledettamente veloce in auto da corsa a faccia piatta. Non vinci cinque volte a Le Mans e tre volte a Daytona senza avere una prospettiva su quale velocit significhi veramente. Considerando che il 33TT12 ha dominato la stagione 1975 del WSC vincendo sette delle otto gare in calendario e una vittoria generale alla Targa Florio di quell'anno, non che stia lodando la macchina per il gusto di farlo. La variante TT12 della Tipo 33 stata una macchina di grande successo dopo un periodo di sviluppo di qualche anno, e certamente non ha bisogno di imbottiture per il rsum.

L'alta considerazione di Bell per l'auto accompagnata dalla passione di Merzario per questo, e ricorda prima di guidare i prototipi della TT12 nel periodo e su questo stesso circuito. Ricorda anche quella stessa sezione bancaria; la "curva enorme nella parte posteriore" dice in questo giorno, gesticolando con aria sulle spalle mentre si appoggia sul lato quasi verticale dell'Alfa con il suo nome dipinto sulla porta. Insieme ai suoi compagni di fabbrica, ha portato la macchina oltre il traguardo dei 300 km / h a Balocco mentre lavoravano con gli ingegneri e i team manager per sviluppare il campione in erba, mettendo alla prova il proprio coraggio lungo la strada.





Gli anni '70 e '80 sono stati un punto fermo nella storia del motorsport, un periodo in cui la tecnologia di gara si sviluppava in un clip molto pi veloce rispetto ai vantaggi incrementali di oggi spremuti dalla disparit di dati e dalla potenza di elaborazione, tuttavia i piloti dovevano ancora sfoderare il guanto. ruota per cambiare le marce manualmente. In altre parole, auto come questa rappresentano l'altezza della corsa analogica quando i limiti erano definiti dalla goffa degli uomini nel mezzo di questi go-kart sovradimensionati piuttosto che un fascio di algoritmi dedicati al controllo della trazione. Merzario riassume l'era con una battuta succinta ma affermativa: "Allora, qual la differenza tra allora e oggi? Oggi abbiamo guard-rail, allora avevamo pini ... "



Al contrario, la 33/2 guidata da Nanni Galli alla fine degli anni '60 era molto pi sinuosa e tradizionalmente di bell'aspetto, ma sarebbe un errore pensarla come una bella faccia senza niente dietro gli occhi. Imboccando solo 1995cc di cilindrata nella sua V8 montata a met, ha prodotto ben oltre 100 cavalli al litro ed stato vittorioso nella sua classe sia a Le Mans che a Daytona.





Naturalmente le auto sono solo una parte dell'equazione, e il trio di ex-racer sono quelli che portano davvero la gravit e il contesto alla storia che hanno scritto con i loro prototipi sportivi, che meritano di avere le loro storie raccontate da coloro che non erano solo "l", ma negli abitacoli. Sono chiaramente lieti di essere in compagnia gli uni degli altri - sicuramente la presenza di tre 33 non ha diminuito l'atmosfera di una memoria rosea - ma c' una certa tristezza allegata. Per lo stesso motivo per cui sono felici di rivivere questi momenti insieme, c' lo scenario alternativo in cui i loro amici non hanno vissuto oltre i trent'anni. Erano macchine all'avanguardia, guidate da persone che non avevano paura di scoprire quanto velocemente sarebbero andate.










Fonte: petrolicious.com

Sezione Storica

Modelli Alfa

 Autobus/Filobus

Interviste
Sport
Modellismo
MiniGuide
Tuning
Mercatino
Stampa/Libri
Forum