Chi siamo

Soci Onorari
Convenzioni
Gadget
Iscrizione al club
Contatti
Raduni
MiniRaduni
Gallery
Links


Utenti on-line

11636

Utenti iscritti al web

6356

Accessi di oggi

11004

Username:

Password:

Registrati


Dietro le quinte del nostro Alfa Romeo Film Shoot




Siamo affascinati dal DNA. Il nostro corredo genetico sia una frontiera scientifica che una tabella di marcia per i nostri parenti, e studiare l'argomento equivale a scheggiarsi un po 'di pi dalle grandi domande su chi siamo come gruppo e come individui. la nostra identit nel senso pi vero, ma trascende qualsiasi persona; noi ereditiamo e mescoliamo e creiamo, il codice si evolve e cambia nel tempo, si diffonde, si trasforma, ma in tutto questo viaggio c' una provenienza duratura e una storia tracciabile.

Ma cosa succede al concetto di identit e patrimonio quando viene applicato all'automobile? Le stesse regole non si applicano necessariamente. Siamo in grado di fare delle serie interruzioni nella catena, se vogliamo, e per alcuni produttori, ridefinire e ridefinire completamente le loro creazioni un imperativo. In questi casi, i nuovi modelli non si basano sui predecessori, ma si allontanano drasticamente da quelle iterazioni pi vecchie al punto da farli sembrare molto pi datati di quanto meritino. Questo il tipo di pensiero che ci lascia con un futuro che sembra nuovo di zecca a scapito di un passato abbandonato. un'obsione pianificata, e non solo in senso meccanico. Per fortuna questo non sempre il modo in cui funzionano le cose.




Una conversazione sulla storia della guida in ogni momento non pi di poche parole lontane dalla terra delle auto da corsa rosse e dalle curve costruite da allenatori, e quando le chiacchiere inevitabilmente atterrano in Italia, dovresti iniziare con Alfa Romeo. Se il dibattito automobilistico entra nella discussione, devi - non ci sarebbero cavalli rampanti senza la croce e il serpente, dopotutto.

Da pioniere nello sviluppo di motori da corsa sovralimentati nelle venerande auto da competizione 8C e 6C, a sfrecciare lungo le claustrofobiche strade pubbliche fino alle vittorie complessive della Targa Florio con il 33/3 e 33TT12, l'Alfa Romeo stata in buoni rapporti con i podi intorno al mondo da quando hanno deciso di iniziare ufficialmente le auto da corsa nel 1911. La loro una storia che si estende su quasi tutte le serie dalla formula alle auto da turismo, e le conquiste collettive della marca sono profonde. In ogni caso, indipendentemente dalla forma delle macchine o da dove erano in gara o da chi contro, c'era lo stesso codice genetico dell'Alfa Romeo che spingeva gli ingegneri, i piloti e i progettisti che lavoravano per riempire il caso del trofeo aziendale.




discutibile su quale periodo sia stato il pi fruttuoso per Alfa Romeo nel motorsport, ma c' un forte caso da fare per essersi verificato negli anni '60. In questi giorni quasi impossibile aver un solo produttore in un solo decennio a produrre cos tanta competenza nella forma della vettura, tanto da aggiungere molto alla storia generale degli sport e delle auto da corsa. Pensaci: i TZ-1 e TZ-2 con la coda di Kamm sono stati liberati in Europa e negli Stati Uniti nei primi anni, e poi i leggeri GTA di Giulia sono seguiti da l e sono diventati un normale front-of- campo visivo sui circuiti dal Nrburgring a Sebring.




Tutto questo successo in pista stato accompagnato dagli Alfas stradali che sono stati fondamentali per dare forma allo spirito dello sport degli anni '60, e lo sviluppo di entrambe le discipline stato pi invischiato di quanto non sarebbe stato nella maggior parte delle aziende. Con Autodelta che diventa il loro reparto ufficiale della competizione, le auto da corsa Alfa Romeo hanno aperto la strada alla popolarit duratura di auto sportive legali come la Giulia Sprint e Sprint Speciale, ma la qualit unica dell'esperienza di guida Alfa Romeo si estesa anche alle altre offerte, come la Giulia TI. Apparentemente incapaci di evitare problemi, trasformarono queste berline in performer da gara per essere vendute alle squadre corse dei clienti sotto forma di TI Super. Con un notevole risparmio di peso grazie a una dieta aggressiva che includeva magnesio, plexiglas e alluminio,



La Giulia cresciuta da allora, e anche se il nuovo modello ora parte del mercato delle berline sportive premium che richiede un livello di prestazioni raffinate inaudito quando sono stati timbrati i primi badge Giulia, l'avanguardia della Alfa Romeo contemporanea ancora radicata nel marchio storia. Tanto che "Alfa Romeo contemporanea" un termine improprio. semplicemente Alfa Romeo, la stessa compagnia che ha sempre avuto tanti riguardi. Si potrebbero riempire volumi discutendo di questo, ma nel film Morning Coffee di oggi la nozione diventa visibile, reale.

L'ultima a indossare il trifoglio a quattro foglie pi veloce al mondo la Giulia Quadrifoglio, e per mettere le sue pummeling performance nella narrativa pi ampia in cui esiste, abbiamo raccolto una macchina da corsa TZ-1, una Giulia Sprint 1600 GTA, e ovviamente il tipo originale delle berline Giulia, il TI Super. Guardali attraversare gli apici ai limiti della loro gomma, ascolta i foderati inline-fours cantare accanto ai moderni turbocompressori, traccia le curve da una macchina all'altra in un unico flusso continuo, senti com' essere parte di sia patrimonio che evoluzione contemporaneamente.






Fonte: petrolicious.com










Sezione Storica

Modelli Alfa

 Autobus/Filobus

Interviste
Sport
Modellismo
MiniGuide
Tuning
Mercatino
Stampa/Libri
Forum