Chi siamo

Soci Onorari
Convenzioni
Gadget
Iscrizione al club
Contatti
Raduni
MiniRaduni
Gallery
Links


Utenti on-line

11644

Utenti iscritti al web

6346

Accessi di oggi

3416

Username:

Password:

Registrati

Cinquanta candeline per lAlfa Romeo 1750

Un nome nobile, che richiama i fasti delle Alfa Romeo degli anni 30, e un carattere che porta avanti senza compromessi le tradizioni di purosangue da corsa della marca. La 1750, degna erede della Giulia, questanno raggiunge le 50 primavere. In occasione di questo anniversario tondo, vi raccontiamo la sua storia.




Nella cabala dellAlfa Romeo il numero 1750 ha un significato molto particolare: indica infatti la cilindrata del leggendario sei cilindri in linea della 6C 1750 del 1929, autentica pietra miliare nella storia della marca. Sul finire degli anni 60, a quarantanni di distanza da quella regina della strada, la Casa del Biscione ripropone la gloriosa denominazione per una nuova vettura.

Allinizio del 1968, a Vietri sul Mare, in provincia di Salerno, lAlfa Romeo presenta la 1750, con il classico quattro cilindri doppio albero a camme in testa portato a 1779 cm: la berlina con cui la Casa milanese si prepara ad affrontare la concorrenza italiana ed estera degli anni 70. Le somiglianze con la Giulia (che sar prodotta fino al 1978) si notano soprattutto osservando le fiancate, dove sono evidenti le caratteristiche scalfature in corrispondenza delle maniglie e allaltezza padiglione. Elementi distintivi del modello sono invece il frontale, che ricorda quello della 2600 Sprint di Bertone (lo stesso carrozziere della 1750), e i grandi gruppi ottici posteriori, inediti. Il motore sviluppa una potenza massima di 114 CV (secondo norme IGM) a 5000 giri/minuto, per una velocit massima di 180 km/h. Lalimentazione garantita da due carburatori doppio corpo orizzontali per le versioni destinate al mercato europeo, e da un impianto diniezione Spica per i modelli venduti negli Stati Uniti.

Il raffinato schema meccanico della Giulia viene ulteriormente migliorato: lalternatore sostituisce la dinamo, la frizione a comando idraulico e al retrotreno presente il limitatore di frenata. A partire dal 1970 inoltre, assieme ad alcune modifiche riguardanti il volante, la pedaliera e la fanaleria (che prevede ladozione di nuove lampade allo iodio), la 1750 dispone anche del circuito frenante sdoppiato. Per quanto riguarda le sospensioni, rispetto alla Giulia varia il posteriore, dove stata aggiunta una barra stabilizzatrice. Invariato, invece, lo schema allavantreno: ruote indipendenti, bracci trasversali e biella obliqua, molla elicoidale e barra stabilizzatrice.

Nel corso della sua breve carriera (esce di scena nel 1972, aprendo la strada allAlfetta), la 1750 (che al lancio costava quasi 2 milioni di lire) ha ricevuto una buona accoglienza da parte del mercato: a fine produzione le unit uscite dalle catene di montaggio sono pi di 100.000. Oggi, con quotazioni nettamente inferiori rispetto a quelle della pi ambita Giulia, pu essere la macchina giusta per entrare a buon diritto nelluniverso delle grandi berline Alfa Romeo a trazione posteriore.




Ne stiamo discutendo nel nostro forum!
qui

Fonte: ruoteclassiche.it




Commenta la notizia

Sezione Storica

Modelli Alfa

 Autobus/Filobus

Interviste
Sport
Modellismo
MiniGuide
Tuning
Mercatino
Stampa/Libri
Forum