Chi siamo

Soci Onorari
Convenzioni
Gadget
Iscrizione al club
Contatti
Raduni
MiniRaduni
Gallery
Links


Utenti on-line

11079

Utenti iscritti al web

6383

Accessi di oggi

10779

Username:

Password:

Registrati

Alfa Romeo Delfino, la coup di Bertone

Aveva la meccanica dell'Alfa 6, compreso il 2.5 V6 da 158 CV, ma le forme erano futuribili




Le ultime grandi coup Alfa Romeo sono state la Brera e la GT e presto dovrebbero trovare un'erede nella prossima Giulia Coup, ma per il momento gli appassionati del genere sono orfani di una simile GT del Biscione. E' un peccato, perch da sempre l'Alfa Romeo ha legato il suo nome a sportive a due porte dal grande fascino, a partire dalle 6C e 8C degli Anni '30 fino alle mitiche Montreal e Alfetta GT e GTV. Queste e le altre imponenti coup costruite ad Arese sono state negli anni uno dei pi ambiti terreni di sfida dei grandi Carrozzieri italiani, da Pinin Farina a Bertone, passando per Touring Superleggera e Zagato, tutti impegnati a creare capolavori su ruote. Oggi per vogliamo parlarvi di una dream car meno famosa, sempre a due porte e realizzata nel 1983 da Bertone col nome di Alfa Romeo Delfino.

Tipiche forme Bertone

La Delfino di Bertone fa il suo debutto al Salone di Ginevra a marzo 1983 stimolando la fantasia dei visitatori e contribuendo a segnare un nuovo corso stilistico per il carrozziere torinese. Le linee filanti e basse sono decisamente pi arrotondate rispetto agli eccessi "spigolosi" di pochi anni prima, merito del nuovo responsabile del design Marc Deschamps che prende il posto di Marcello Gandini. La rinascita del concetto di GT di lusso evidenziato dal lungo cofano motore che fa da contrappunto alle dimensioni ridotte del padiglione che racchiude solo due posti. Alcuni elementi della carrozzeria possono ricordare anche altre vetture di serie successive come ad esempio la Citroen XM o la Subaru SVX nel trattamento dei vetri laterali.

L'Alfa 6 la donatrice

Sotto l'Alfa Romeo Delfino, che con misure di 4,14x1,83x1,18 metri verrebbe oggi definita compatta, c' per la meccanica dell'Alfa 6, l'ammiraglia di quegli anni che ha motore anteriore longitudinale, il mitico V6 "Busso" di 2,5 litri e 158 CV e la trazione sulle ruote posteriori. Il risultato quindi una coup tutto sommato piacevole con i fari a scomparsa come impone la moda dell'epoca e uno specchio di coda essenziale che contrasta un po' con i piccoli finestrini discendenti dovuti alla forma della fiancata. L'abitacolo fa sfoggio di una curiosa plancia rettangolare "volante" infarcita di tutti i comandi di bordo e di speciali sedili in pelle dalla forma ergonomica.








Fonte: omniauto.it

Sezione Storica

Modelli Alfa

 Autobus/Filobus

Interviste
Sport
Modellismo
MiniGuide
Tuning
Mercatino
Stampa/Libri
Forum