Club AlfaSport Forum - <b>Andrea De Adamich </b>- socio n.143


Club AlfaSport Forum

Club AlfaSport Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 L'Alfa Romeo e lo sport
 Piloti Alfa Romeo
 Andrea De Adamich - socio n.143
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore  Discussione Discussione Successiva  

Pilota54
Utente


Regione: Sicilia
Prov.: Catania
Città: Catania


11915 Messaggi

Inserito il - 08/08/2006 : 18:52:32  Mostra Profilo Invia a Pilota54 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando

ANDREA DE ADAMICH
Un eclettico campione: grande GTA-man, poi pilota F.1, conduttore televisivo e manager/imprenditore


De Adamich con la maglietta Alfasport al termine di un corso a nostri soci


Vittorioso con l'Alfa 33-3 a Brands Hatch (Mondiale prototipi) nel 1971


Al volante della sfortunata Mc Laren/Alfa Romeo F.1 1970



Eccolo in controsterzo con la Surtees/Ford nel 1972 a Jarama




Sito internet: non ha un suo sito ma sono numerosissimi i siti che
parlano di lui, molti stranieri. E' presente ovviamente sull'enciclopedia on-line Wikipedia.

CARRIERA
Andrea De Adamich è nato a Trieste il 3/10/1941. Muove i primi passi nel mondo delle corse appena ventenne, prima in salita, con una Triumph TR3 e poi in Formula 3. Nel 1965 vince il Campionato Italiano F.3 e grazie a questo importante successo viene ingaggiato dall'Alfa Romeo, che gli affida una delle Giulia GTA ufficiali che disputano il Campionato Europeo Turismo. Già nel 1966 e poi anche nel 1967 vince il Campionato Europeo Turismo alla guida appunto di una Giulia GTA 1.600.
Su tutti i libri sulla storia dell'automobilismo si legge http://www.alfasport.net/public/upload/zeccoli_nuerb_1969_small.JPG"> che al Nürburgring il muro dei 10' con vetture Turismo è stato abbattuto dalla BMW, con un 9'58 nell'Agosto 1966. Non è del tutto vero: con 9'59"7 scese per primo in assoluto Andrea de Adamich sull' Alfa Romeo GTA 1600, in prova e conquistando la pole-position per la 6 Ore del Nürburgring del Luglio 1966. Vinse poi la corsa in coppia con Teodoro Zeccoli. Essendo stato fatto in prova, non si tratta di un record vero e proprio, ma vale assolutamente la pena ricordarlo.
Successivamente passa ai prototipi, sempre Alfa Romeo e alla F.1: è grande protagonista anche nelle gare di durata sport-prototipo, categoria in cui corre dal 1970 al 1974. Infatti, sempre al volante di un'Alfa Romeo, la 33-3, vince due prove del Campionato mondiale Marche nel 1971: la Mille chilometri di Brands Hatch (in coppia con Pescarolo) e la Sei ore di Watkins Glen (con Peterson). In Formula 1 esordisce con il Gran Premio del Sudafrica, prima prova del mondiale 1968, al volante di una Ferrari. Nella massima formula ritorna nel 1970, disputando sei Gran Premi con la McLaren-Alfa Romeo V8. Infatti, nell'anno della scomparsa del fondatore della scuderia, Bruce Mc Laren, vengono schierate 3 vetture dotate di motore Ford (Hulme, Gethin e Gurney) e una con motore Alfa V8 affidata appunto a De Adamich, seguito però molto "distrattamente" dalla casa e i risultati sono scarsi (miglior risultato un 8° posto a Monza). Ho assistito personalmente al GP di Monza di quell'anno e ricordo il motore Alfa che già a metà gara "ratava" costringendo il "nostro" Andrea a una gara da comprimario. Nel 1971 corre 7 gare con la March-Ford, mentre nel 1972 è pilota Surtees-Ford per tutta la durata del Campionato del mondo, ottenendo anche un quarto posto nel Gran Premio di Spagna, alle spalle di Fittipaldi, Ickx e Regazzoni. L'anno seguente passa alla Brabham-Ford giungendo quarto in Belgio. Il 14 luglio 1973 a Silverstone, pochi secondi dopo la partenza, si scontra con la McLaren di Jody Scheckter, bloccata al centro della pista dopo un testacoda. Un incidente terribile: De Adamich viene estratto dalle lamiere della sua monoposto con numerose ferite alle gambe. Dopo tale incidente si ritira dalle corse.

Per alcuni anni si dedica alla distribuzione dei prodotti della linea di abbigliamento Marlboro in Italia. Solo nel 1978, dopo essere diventato un giornalista specializzato nel settore automobilismo, torna ad occuparsi del mondo della Formula 1, ma in video, grazie alla conduzione di "Grand Prix" (arcinota trasmissione televisiva a carattere automobilistico, impegno che continua tuttora su Italia 1) e, dal 1991, con le telecronache dei Gran Premi del Campionato Mondiale F.1. Nel 1992 vince il primo premio al prestigioso concorso giornalistico per la sicurezza stradale.

Oggi De Adamich è co-proprietario e direttore generale dell'avviata scuola di guida sicura dell'Autodromo Riccardo Paletti di Varano de Melegari, dove opera anche il figlio Gordon, anche lui valente ex pilota. La scuola utilizza da sempre esclusivamente vetture Alfa Romeo, fornite dalla stessa casa madre.

LA SUA CARRIERA IN F.1
1968: una gara su Ferrari
1970: tutto il campionato su Mc Laren-Alfa Romeo1971: sette gare su March-Ford
1972: tutto il campionato su Surtees
1973: prima gara su Surtees, poi Brabham, fino all'incidente.

In totale 36 gare senza vittorie nè pole a causa della mediocre
competitività delle vetture.

NOTE - profilo umano
Un "gigante" anche come statura, è uno dei massimi esperti italiani e direi mondiali di automobilismo da competizione. E' stato uno dei piloti più performanti e vincenti al volante delle mitiche Alfa Romeo Giulia GTA 1.600, vettura con la quale si è fregiato di due titoli europei.
Dalla fine degli anni '70 si occupa con grande successo di giornalismo automobilistico, anche televisivo ed è un ascoltatissimo "opinion leader". Da molti anni inoltre mette al servizio della collettività la propria esperienza di pilotaggio dirigendo il "Centro Internazionale di guida Sicura" a Varano de' Melegari (Parma). Grande appassionato da sempre dell'Alfa Romeo, casa che certamente ha nel cuore, nel 2005 ha "firmato" la collezione edita dalla nota azienda Fabbri "Alfa Romeo Sport Collection".

Sempre affabile, sorridente e gentile, è possibile anche vederlo nel paddock di qualche gara importante abbracciato con semplici appassionati, impegnato in una "foto di gruppo". Pioniere nel settore delle scuole di pilotaggio, è ormai una "icona" del giornalismo automobilistico e dell'automobilismo in genere, a 360°.
Vive a Varano, dove non è difficile incontrarlo per strada.

Il suo amore per l'Alfa Romeo è testimoniato da questo suo intervento datato 2003 ad un meeting sull'Alfa Romeo presso l'università Cattaneo:
"All'Alfa Romeo ho lasciato una grossa fetta della mia vita, e non solo sportiva..........il mito della velocità era una costante, ma oggi le esigenze dell'uomo sono cambiate. L'automobilista oggi chiede confort e affidabilità, non solo velocità. Negli ultimi anni l'Alfa se ne è accorta e sono usciti prodotti come la 147 e la 156 che lo dimostrano. Purtroppo la crisi c'è stata, ma il grande marchio è rimasto: la storia e i successi di questa azienda hanno fatto sì che Alfa Romeo diventasse simbolo di prestigio a livello internazionale. Oggi la storia dell'Alfa sta tornando ai successi delle origini e sono sicuro che tutti quelli che hanno amato, e amano, il marchio saranno rincuorati."

Links:
Intervista a De Adamich
Corsi Guida Sicura AlfaSport 2006
Corsi Guida Sicura Alfasport 2005

Testo a cura di Manlio Dovis (pilota54)




Pilota54-GTV 3.0 V6-155 1.7 TS
Responsabile sezione Sport

Modificato da - Pilota54 in Data 24/01/2012 14:15:47

n/a




Prov.: Milano
Città: Basiglio Mi3


4431 Messaggi

Inserito il - 16/08/2006 : 15:51:33  Mostra Profilo Invia a n/a un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Personaggi come Andrea ce ne vorrebbero ad ogni angolo alfista....

Ing.Tenerone n°0057
Ambra (AR916 L.E.285 152CV gialla)
Fortunata (AR937 Jtd 116CV nera)

www.spideralfaromeo.it
www.alfasport.it/filobus
Torna all'inizio della Pagina

piazzone
Utente


Regione: Lombardia
Prov.: Milano


9095 Messaggi

Inserito il - 17/08/2006 : 09:07:09  Mostra Profilo Invia a piazzone un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ovviamente non lo conosco di persona, ma De Adamich mi è sempre piaciuto. E' un grande!

Non vedo l'ora di conoscerlo di persona (l'anno prossimo vorrei fare il corso di guida sicura, magari ci riesco a incotrarlo...)

"Si racconta che Henry Ford si togliesse il cappello quando vedeva un’Alfa Romeo e che Enzo Ferrari, il giorno che è riuscito a battere le auto del Biscione abbia pianto come un bambino..."

Ex Alfetta 1.8 blu '72 dal '78 al '91
Ex Alfa 75 1.8Turbo America nera '90 dal '00 al '03

Giulia 1750 GT grigia '69 dal 1985
Alfa 75 2.0TS Bianco-argento '91 dal 29/07/2006!!!

Piazzone '77

Modificato da - piazzone in data 17/08/2006 09:07:26
Torna all'inizio della Pagina

Pilota54
Utente


Regione: Sicilia
Prov.: Catania
Città: Catania


11915 Messaggi

Inserito il - 17/08/2006 : 11:06:30  Mostra Profilo Invia a Pilota54 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
De Adamich l'ho visto correre in televisione negli anni '60 e '70.
Era un eccellente pilota, non c'è dubbio, soprattutto con le
turismo e in particolare con le Alfa Romeo GTA, vettura con la
quale ottenne le maggiori soddisfazioni. Diciamo che era il
Giovanardi o il Tarquini degli anni '60..............

Purtroppo molta gente tende a ricordare di più la F.1 (per tutti i piloti)
categoria dove anche a causa dell'incidente che ne troncò la carriera
non potè materializzare il suo potenziale.



Pilota54-GTV 3.0 V6-155 1.7 TS
Responsabile sezione Sport

Modificato da - Pilota54 in data 17/08/2006 11:08:56
Torna all'inizio della Pagina

Pilota54
Utente


Regione: Sicilia
Prov.: Catania
Città: Catania


11915 Messaggi

Inserito il - 24/01/2012 : 14:20:41  Mostra Profilo Invia a Pilota54 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Il grande Andrea De Adamich ha di recente compiuto 70 anni, tutti dedicati all'automobile e alle corse, nonchè all'Alfa Romeo, che ama da sempre, non per niente la "sua" scuola di pilotaggio di Varano ha, da sempre, solo vetture Alfa Romeo.



Pilota54-GTV 3.0 V6-Maserati Ghibli


Vivi come se dovessi morire domani e pensa come se non dovessi morire mai (Moana Pozzi)
La differenza tra un uomo e un bambino? Il prezzo dei loro giocattoli (Jean Todt)

Modificato da - Pilota54 in data 24/01/2012 23:54:56
Torna all'inizio della Pagina

Ale Q.V.





Regione: Lombardia
Prov.: Brescia


895 Messaggi

Inserito il - 24/01/2012 : 21:06:43  Mostra Profilo Invia a Ale Q.V. un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
TANTISSIMI AUGURI AD ANDREA, sono uno che oltre al corso di guida, sono stato a Varano più volte.
Persona squisita e molto preparata!!

Alelore
Torna all'inizio della Pagina

Pilota54
Utente


Regione: Sicilia
Prov.: Catania
Città: Catania


11915 Messaggi

Inserito il - 24/01/2012 : 23:55:51  Mostra Profilo Invia a Pilota54 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Beh, lui a Varano ci abita pure e non è raro incontrarlo per le strade del paese .................
Così come non è raro incrociarlo nel paddock di qualche gara, la passione per le auto da corsa non viene mai meno..........



Pilota54-GTV 3.0 V6-Maserati Ghibli


Vivi come se dovessi morire domani e pensa come se non dovessi morire mai (Moana Pozzi)
La differenza tra un uomo e un bambino? Il prezzo dei loro giocattoli (Jean Todt)

Modificato da - Pilota54 in data 24/01/2012 23:57:54
Torna all'inizio della Pagina

Carlitos





Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Roma


24214 Messaggi

Inserito il - 25/01/2012 : 15:49:24  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Carlitos Invia a Carlitos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Tanti Auguri anche da parte mia ad Andrea, soprattutto perchè gli anni se li porta benissimo!





Carlitos
"...Ognuno cercava di affermare il proprio punto di vista, ma su tutti prevaleva l’orgoglio di essere all’Alfa Romeo e di voler creare le automobili migliori possibili.” - Ernesto Cattoni

Torna all'inizio della Pagina

maurino





Regione: Lombardia
Prov.: Cremona
Città: Crema


1257 Messaggi

Inserito il - 15/10/2018 : 09:53:45  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di maurino Invia a maurino un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Andrea De Adamich talks Alfa Romeo and the Targa Florio





Ex: Alfa 147 1.6 120CV Ora: Alfa Nuova Giulietta 1.6 109CV Alfa Giulietta 1.750 TBI Q.V. 235CV
Torna all'inizio della Pagina
   Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Club AlfaSport Forum © 2003-2012 Club AlfaSport Torna all'inizio della Pagina
Pagina generata in 0,12 secondi. herniasurgery.it TargatoNA.it SuperDeeJay.Net Snitz Forums 2000

Antidoto.org | Brutto.it | Estela.org | Equiweb.it